Cosa visitare a Trezzo sull’Adda, alle porte di Milano

Trezzo sull’Adda è la meta ideale per una fuga domenicale. Se vi trovate a Trezzo sull’Adda, ecco le attrazioni da non perdere.

Piccolo e primitivo, Trezzo sull’Adda, situato alle porte di Milano, è l’esempio perfetto dell’armonia tra storia e natura. Personalmente, questo luogo mi è rimasto nel cuore, quindi se avete qualche ora a disposizione, vi consiglio di visitarlo.

1. Scoprire Trezzo sull’Adda: un viaggio nel passato e nel cuore della natura

Il primo luogo che consiglio a Trezzo sull’Adda è il Castello Visconteo. Anche se non è famoso come altri castelli in Italia, ha una lunga storia che affonda le sue radici nel XIV secolo. Sebbene ne rimangano solo le rovine, esse risuonano di storie di eroismo e leggenda. Circondato da un incantevole parco, il castello offre una splendida vista sul fiume Adda e sulla campagna circostante.

2. Parco e natura: ispirare l’aria fresca lombarda

Dopo la visita al Castello Visconteo, prendetevi del tempo per godervi il vicino parco. È il luogo ideale per contemplare il paesaggio idilliaco delle anse dell’Adda e dei colli di Bergamo. E per una vista ancora più suggestiva, salite in cima alla torre del castello. Da questi 42 metri di altezza, potrete vedere anche l’antica città di Trezzo, che si sta sviluppando intorno alla fortezza.

3. Centrale elettrica Taccani: Via Barnabò Visconti e lungo le sponde del fiume Adda

Dopo aver esplorato il castello e il parco, vi consigliamo di visitare la Centrale elettrica Taccani. Una volta usciti dal cortile del castello, percorrete via Barnabò Visconti, che in pochi minuti vi condurrà sulle rive del fiume Adda. Lì scoprirete una grande struttura grigia: la Centrale Taccani, uno degli impianti idroelettrici più imponenti d’Italia.

4. Le Foppe: un santuario della fauna selvatica

Un’altra meta da visitare a Trezzo sull’Adda è la riserva naturale Le Foppe, gestita dal WWF. Quest’oasi è un rifugio per gli uccelli migratori e la fauna selvatica ed è un centro vitale per la consapevolezza ambientale e l’educazione alla conservazione.

Seguitemi su Instagram

 

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*